venerdì 29 novembre 2013

Difesa #Legge194: Marina Terragni scrive ad Alessandra Kustermann

Riportiamo questo scambio perché su un tema di importanza centrale per tutte le donne, in qualunque città - e, sia ben chiaro, fuori da ogni polemica: solo perché andare a fondo dei problemi è giustoAlessandra Kustermann (che, per inciso, sarà stasera al dibattito pubblico sul femminicidio, alla Casa della Cultura) è una figura di riferimento a Milano, specie per noi donne. 
Anche per questo alcune si sono allarmate che proprio lei, che nei suoi ambiti si è sempre prodigata per la #Legge194, abbia dato indicazione di votare alle primarie per il candidato che ha promosso, a Firenze, la controversa operazione del "cimitero dei feti". E nel farlo ha detto, fra l'altro: tra pochi giorni si svolgeranno le primarie per la scelta del segretario del PD, aperte a chiunque voglia votare. (...) le primarie sono un mezzo per decidere chi chiamare a dirigere il maggior partito del centrosinistra. Io ho scelto di votare Renzi, anche se sono di sinistra da sempre e non ho cambiato idea. (...) Perchè ho scelto lui che è così distante apparentemente da me? Forse proprio per questo. Un cambiamento è necessario, se vogliamo governare con le nostre idee e con i nostri programmi. (...) Chi ha sbagliato paghi e proviamo a voltare pagina (qui la dichiarazione integrale). 
Le risponde Marina Terragni, in modo molto diretto, e ponendo l'attenzione anche su fatti recenti che riguardano diverse giornaliste:
Cara Ale, dicendo: ho scelto di votare Renzi, anche se sono di sinistra da sempre e non ho cambiato idea, stai comunicando a chi legge che Renzi è di destra. In effetti, tra le molte altre cose, un sindaco che edifica un cimitero dei feti non è sicuramente un uomo di sinistra. Sai che ne abbiamo discusso parecchio nelle scorse settimane, e sai che un conto è la sepoltura già consentita dalla legge, un altro un "giardino degli angeli" sul modello Alemanno, armamentario ideologico che si accompagna sempre a un attacco alla legge 194, già malconcia e sostanzialmente disapplicata. Un attacco sul quale una donna con la tua storia di grande impegno civile non può essere d'accordo: anche il Corriere e la Repubblica ti hanno posto davanti alla contraddizione. Mi ha molto stupito che tu non fossi accanto a noi che abbiamo dato l'allarme su questa vicenda. Di più: il fatto che tu non vedessi problema nel cimitero dei feti ci è stato puntato addosso - a Lidia Ravera, a me e altre - da molta stampa di destra, dalla quale siamo state definite addirittura "nazifemministe": non abbiamo avuto, purtroppo, la tua solidarietà, ed è stata una brutta sorpresa. Vista la tua candidatura, alcune hanno pensato che tu non ti sia esposta contro questa brutta storia fiorentina proprio perché stavi discutendo una tua posizione nelle liste di Renzi. Non posso credere che le cose stiano così, perché andrebbe contro tutta la tua bellissima storia. Sono sicura che, candidatura o non candidatura, ti esprimerai con grande chiarezza contro quell'iniziativa, che sta facendo epigoni a Vicenza, a Modena e in molte altre città, che si affianca a una vigorosa ripresa di iniziativa dei no-choice, fra cui una raccolta di firme per un nuovo referendum abrogativo. (M. T. 29 novembre 2013)
Ribadiamo: si tratta di temi di importanza centrale per tutte le donne, in qualunque città.

Ci sembra giusto che Kustermann si candidi con chi crede opportuno. In effetti si è già espressa con chiarezza anche riguardo a iniziative come "i cimiterini degli angeli" - ma non si può negare che queste operazioni, più ideologiche che umanitarie, alimentano gli attacchi alla legge 194, che è già in gravissime ambasce. E soprattutto, ci piacerebbe volesse approfondire la questione non solo per difendere se stessa (o chiarire meglio le sue posizioni), quanto per spuntare le armi di chi osa definire le donne impegnate su questioni cruciali per tutte le donne, e per tutta la società "nazifemministe che manganellano le donne". Cara Alessandra Kustermann: per favore entra nel merito direttamente anche in difesa delle donne e della dura battaglia per mantenere posizioni che si stanno erodendo, come il suolo che manca sotto i piedi e poi frana.

Intervista rilasciataci da Kustermann esattamente un anno fa: 

5 commenti:

  1. www.uccronline.it/2014/01/26/tutte-le-risposte-da-dare-a-chi-e-a-favore-dellaborto/

    RispondiElimina
  2. [ANTONIO SOCCI - «Libero», 6 gennaio 2007]
    La legge sull’aborto è fondata su una truffa [- PRIMA PARTE -].
    Secondo Marco Pannella erano “un milione o un milione e mezzo” gli aborti clandestini che si facevano prima della legge 194 (tg5, venerdì sera). Con tante donne vittime. Per questo si è voluto l’aborto legale e assistito. Premesso che è un argomento per me insensato perché anche gli omicidi sono migliaia, ma nessuno propone di “risolvere” il problema legalizzando l’omicidio, bisogna capire, una volta per tutte, se quel dato è vero o falso. Intanto le cifre erano visibilmente sparate a caso. Per esempio secondo la proposta di legalizzazione fatta dal Psi al Senato nel 1971 erano ogni anno dai 2 ai 3 milioni gli aborti clandestini con circa 20 mila donne morte (nell’analogo progetto presentato alla Camera le morti lievitavano inspiegabilmente a 25 mila). Sui giornali le cifre oscillavano in modo abnorme: il “Corriere della sera” del 10 settembre 1976 per esempio dava da 1,5 a 3 milioni di aborti clandestini l’anno. E “Il Giorno” del 7 settembre 1972 da 3 a 4 milioni l’anno. In sostanza si davano i numeri (da 1,5 a 4 milioni), del tutto incontrollati e mai provati. Ma questa ossessiva campagna produsse la sensazione dell’emergenza nazionale e fece passare la legge 194.
    Eppure bastava qualche piccolo accertamento per scoprire la verità. Secondo calcoli fatti da statistici ipotizzando 3 (o addirittura 4) milioni di aborti clandestini l’anno ne derivava un tasso medio di abortività in base al quale – alla fine – “tutte le donne italiane avrebbero praticato nella loro vita almeno 8 aborti procurati clandestini” (Palmaro). Uno scenario ovviamente assurdo.
    Che i “milioni di aborti clandestini” ogni anno fossero un argomento totalmente infondato, è provato, in modo indiscutibile, oggi, dai dati ufficiali sugli aborti legali in Italia, fermi attorno ai 130 mila l’anno (dal 1978 hanno raggiunto al massimo la cifra di 240 mila all’anno, ma attestandosi subito molto al di sotto dei 200 mila). Se questo è il numero delle donne che interrompono la gravidanza oggi che l’aborto è facile, legale e assistito, in qualunque ospedale, e addirittura propagandato, è ovvio che dovevano essere un numero molto inferiore a praticarlo quando era illegale, si rischiava il carcere, la faccia e la pelle, ed era difficile trovare le “mammane” che lo praticassero. [SEGUE >>]

    RispondiElimina
  3. [ANTONIO SOCCI - «Libero», 6 gennaio 2007]
    La legge sull’aborto è fondata su una truffa [- SECONDA PARTE -].
    Ma passiamo al cuore del problema. L’aborto clandestino – dicevano – provocava ogni anno in Italia la morte di 25 mila donne. Per questo fu reso legale e assistito. Ma era vero quel dato? No, era del tutto assurdo. E ci voleva poco a capirlo.
    Dall’Annuario Statistico del 1974 risulta infatti che le donne in età feconda (cioè dai 15 ai 45 anni) decedute nell’anno 1972, cioè prima della legge 194, furono in tutto 15.116. Già il fatto che le morti totali siano la metà delle presunte morti per aborto parla chiaro. Ma poi si scopre che di quelle 15 mila solo 409 risultavano morte di gravidanza o parto.
    Naturalmente fra tutte le morti “per gravidanza o parto” quelle dovute ad aborto clandestino erano una piccola parte: qualche decina ogni anno. Una cifra certo triste (umanamente anche una singola morte è una tragedia), ma non una emergenza nazionale. Erano molto più rilevanti, per capirci, le altre cause di decesso delle donne come le morti per parto, per infortuni domestici, per incidenti o per omicidio.
    Le cifre che abbiamo visto per l’anno 1972 risultano costanti. Infatti nel 1969 le donne morte in età fertile per complicazioni da gravidanza, parto e puerperio furono in totale 550 (Annuario statistico italiano, 1971); 481 nel 1970 (Annuario 1972); 460 nel 1971 (Annuario 1973); 370 nel 1973 (Annuario 1975). E ogni anno le vittime dell’aborto clandestino erano poche unità.
    Conclusione: le cifre sparate dalla propaganda abortista (25 mila donne morte) che hanno portato alla legalizzazione dell’aborto erano del tutto infondate. Erano balle. Lo conferma il fatto che dall’entrata in vigore della legge 194 la mortalità delle donne in età feconda, non ha avuto alcuna significativa diminuzione statistica improvvisa, quindi la 194 non ha modificato alcunché. “Ciononostante”, scriveva Roberto Algranati su Liberal “anche in epoca recente, l’onorevole Pannella ha riaffermato il vecchio luogo comune secondo il quale la legge sull’aborto avrebbe salvato la vita a centinaia di migliaia di donne”.
    In realtà non ha portato neanche alla sparizione dell’aborto clandestino. Infatti sull’ “Espresso” del 10 novembre 2005, Chiara Valentini scrive che la relazione del ministro della Salute nell’anno 2005 stima circa in 20 mila gli aborti clandestini. E la stessa cifra è ribadita dal demografo Massimo Livi Bacci. Dunque la 194 è clamorosamente fallita: non ha estirpato neanche la piaga della clandestinità. E lo stesso fenomeno è accaduto in Gran Bretagna, nei Paesi Scandinavi, in Germania, Giappone, Russia Polonia, Romania e via dicendo. [SEGUE>>]

    RispondiElimina
  4. [ANTONIO SOCCI - «Libero», 6 gennaio 2007]
    La legge sull’aborto è fondata su una truffa [- TERZA PARTE -].
    Ma se la 194 non ha cancellato l’aborto clandestino – a 30 anni dalla sua approvazione – cos’ha prodotto? Rendere legale, facile, assistito e gratuito l’aborto può solo banalizzarlo e moltiplicarlo. E così è stato. Da 20-30 mila clandestini a 150-200 mila legali. Due ricercatori dell’Università di Trento, Erminio Guis e Donatella Cavanna (“Maternità negata”, Milano 1988) hanno scoperto che il 32 per cento delle donne che hanno abortito non l’avrebbe fatto se non ci fosse stata la legge 194 a permetterlo. Quindi migliaia di aborti che – in mancanza della 194 – sarebbero stati evitati. “Risultati del tutto analoghi” aggiunge Mario Palmaro “sono stati condotti in Francia. Il significato di questi dati è evidente: la legge incide in modo decisivo sui comportamenti”.
    E’ vero che c’è stata una relativa diminuzione degli aborti legali dal 1978 ad oggi, ma intanto bisogna considerare la diffusione di abortivi chimici. In secondo luogo il fenomeno è tutto italiano ed è dovuto a una forte sensibilizzazione sui temi della vita fatta dalla Chiesa italiana (basti dire che i Centri di aiuto alla vita, anche concretamente, hanno salvato circa 80 mila bambini e altrettante mamme). Infatti negli altri Paesi europei, come Francia e Inghilterra, dove la presenza cattolica (e la cultura della vita) è irrilevante, gli aborti legali non sono in discesa, ma semmai in salita.
    Infine 30 anni fa si costruì un’assordante campagna sulle “morti per aborto clandestino”, ma perché oggi non si parla delle morti per aborto praticato legalmente e assistito? Perché tanto silenzio sulle morti che hanno fatto clamore in America in relazione alla pillola abortiva (New York Times, 23.11.2005)? La sorte delle donne non interessa più?
    La dottoressa Kustermann, dall’insospettabile pulpito di Micromega (7/05), fa sapere che “con la Ru486 c’è anche il dolore fisico, che almeno con l’aborto chirurgico non c’è”. Poi ha svelato quanto sia devastante anche l’aborto chirurgico legale che presenta “un rischio del 4 per cento di complicazioni più o meno gravi, che vanno dalla necessità di ripetere l’intervento, all’emorragia, alla perforazione dell’utero, all’infezione dell’utero che si manifesta nei giorni seguenti con febbre alta e dolori intensi. Quindi… permangono dei rischi che possono determinare anche conseguenze di lungo periodo per la donna: per esempio un’infezione grave o una perforazione uterina” che “può determinare una sterilità permanente”.
    La Kustermann aggiunge che “non c’è quasi nessun aborto che sia per sempre indolore”. Il dolore psichico è evidente in tante donne che hanno vissuto questo trauma. Ma, avverte la Kustermann, anche per le donne che “riescono a superare l’evento indenni”, dal punto di vista psicologico, “l’aborto può essere un fattore di rischio nel momento in cui intervengono depressioni legate al desiderio di maternità irrealizzato nel corso della vita”.
    Insomma, aver presentato l’aborto come una conquista civile ha messo gravemente in ombra le conseguenze cui va incontro la donna. E ha spazzato via 4 milioni e 500 mila bambini (*). Un orrore.
    (*) Dato aggiornato al 2006. Oggi, solo in Italia, sono almeno 6 milioni!

    RispondiElimina
  5. Come mai lo scandalo che ha travolto negli Usa, il colosso degli aborti Planned Parenthood (300mila aborti l'anno 30% del totale) negli USA. Si commerciano con profitti milionari gli organi dei bambini abortiti, e si fa abortire in modo che risultino intatti, utilizzabili per la "scienza" (topi umanizzati per sperimentare medicine).e per l'industria alimentare.(cellule renali incentivanti l'aroma ). Ho sentito dire che un giornalista è colui che informa su ciò che non si deve sapere. Non sarà stato segretamente anche riabilitato Mengele?

    RispondiElimina